Torna alla homepage






L'azienda


L’azienda Trenta Querce è situata in collina a circa 350 m slm. È costituita da 12 ettari di cui 3 al momento destinati a vigneto. La restante parte è occupata da 3.000 mq di oliveto, 2.000 mq di frutteto, da seminativi e da bosco.
I terreni sono prevalentemente argillosi e minerali, ricchi di fossili appartenenti al pleistocene.


Il nostro vino è prodotto nella consapevolezza che il rispetto per l’ambiente e per la nostra salute sia un principio irrinunciabile: i metodi di coltivazione in vigneto sono scelti per preservare le caratteristiche naturali del terreno e della microfauna presente. La nostra cantina è un piccolo laboratorio artigianale in cui le conoscenze più aggiornate si uniscono alla tradizione. La lavorazione in cantina riduce al minimo gli interventi sull’uva per garantire un prodotto naturale. Lo studio e la conoscenza del terroir e dei diversi processi di vinificazione consentono di ottenere prodotti di alta qualità, con minimi interventi.


Il controllo della temperatura di fermentazione e l’utilizzo di contenitori in acciaio inox permettono infatti di preservare la sanità dell’uva raccolta a mano.


L’interramento parziale della cantina garantisce in modo naturale, un’adeguata e costante temperatura di affinamento e conservazione durante l’estate e l’inverno.


Attualmente vengono prodotte circa 7.000 bottiglie. L’area di vinificazione si trova di fronte al vigneto aziendale.



Il produttore

Mariabarbara Conti, agronoma e enologa, ha collaborato con diverse cantine tra Lazio, Umbria e Toscana tra cui Trappolini di Castiglione in Teverina e Avignonesi di Montepulciano. Dopo un’intensa esperienza, dal 2003 al 2008, come direttore tecnico da Antinori al Castello della Sala di Ficulle, ha deciso di dedicarsi alla libera professione in piccole realtà di qualità e di realizzare, con l’azienda Trenta Querce, il sogno di produrre il proprio vino mantenendo il rapporto con esso ad un livello “vero” fatto di persone, terra e semplicità.

.

Il Territorio


L’azienda rientra nel territorio della Strada dei Vini Etrusco-Romana, Strada dei Vini e dei Sapori, che taglia il territorio umbro dell'Orvietano, dell'Amerino e del Ternano, fino alla Valnerina.
Qui la vite si alleva da almeno duemila cinquecento anni, con diversi vitigni e diversi vini, oggi come allora a seconda dell'esposizione e del tipo di suolo, decisamente tufaceo verso Orvieto, calcareo ad Amelia.
L'itinerario della strada non è soltanto un susseguirsi di cantine e di aziende vinicole, ma è inscindibilmente legato alle bellezze storiche, artistiche e ambientali, ed è connesso con l'intera offerta della filiera del gusto tradizionale e certificata, dalla produzione olearia d'eccellenza all'agricoltura biologica, dai prodotti tipici a quelli dell'artigianato artistico

.